Tempo di lettura: 3 minuti

Se qualcuno ti ha detto che dormire in tenda nel deserto è una cosa semplice ti ha mentito. Non voglio fare la drastica ma la persona equilibrata si però che cavolo! Diciamo che non è né troppo difficile né troppo facile come può sembrare. Il tempo passa in modo diverso quando sei isolato/a dal mondo. Se poi decidi di provare quest’avventura d’inverno allora auguroni ma tanto noi siamo contro le vite noiose giusto? Oggi ti darò qualche consiglio su come attrezzarsi per dormire nel Wadi Rum tra novembre e marzo, i mesi più freddi.

Attrezzarsi per dormire nel Wadi Rum


Voli, hotel e assicurazione di viaggio

Prima di iniziare ti do subito due dritte su voli, soggiorni e assicurazione di viaggio! Per trovare voli low cost ti consiglio di affidarti a Skyscanner o Momondo, i motori di ricerca numeri uno nel settore travel.

Per quanto riguarda l’assicurazione di viaggio ti consiglio il portale Heymondo e ovviamente, dato che sono buona e generosa, ho un codice sconto da regalarti. Se invece stavi già iniziando a scervellarti per trovare un alloggio, don’t worry baby c’è il nostro caro best friend Booking.com che ci offre da sempre il suo aiuto!

Come attrezzarsi per dormire nel Wadi Rum

La Giordania è una meta amata da tantissimi viaggiatori. Mentre ero a Petra, ho ricevuto tantissimi messaggini su Instagram, dove mi veniva chiesto come ci si doveva organizzare per affrontare un’esperienza simile quindi concentrati perché ti aiuterò a fare la valigia o zaino da viaggio.

Indumenti obbligatori per dormire una notte nel deserto 

Cappello di lana

Sappi da subito che il cuscino della tenda è congelato e se non vuoi svegliarti con una brutta emicrania porta e indossa un bel cappello di lana!


Guanti

Dormire nel deserto non è come dormire a casa. Non ti basterà mettere le mani sotto il piumone per sentirle calde dopo qualche minuto quindi prima di coricarti utilizza dei guanti di lana altrimenti durante la notte avrai le mani congelate.


Calze termiche

Prima di indossare il pigiama mettiti la tuta o calza termica. E’ un indumento molto utile e utilizzato anche da chi ama la montagna e la neve: gli interni sono felpati e morbidi. Costa circa 10 euro e mi ha riscaldato subito piedi e gambe. C-O-N-S-I-G-L-I-A-T-I-S-S-I-M-A 🙂

Per essere sicura di non avere per nulla freddo ai piedini, cosa che odio in assoluto, ho indossato anche dei calzettoni felpati e devo dire che il binomio calza termica più calzettoni ha funzionato alla grande!


Sciarpe

Il freddo è suocera entra in ogni dove quindi porta con te una grossa sciarpa di lana. Sarà la tua migliore amica.


Sacco a pelo

Dal mese di gennaio i beduini consigliano ai turisti di portarsi il sacco a pelo. Se non ne hai uno puoi consultare Amazon.

Vivere quest’avventura mi ha reso davvero orgogliosa. Volevo dimostrare di saper resistere, di farcela e di essere pronta a tutto pur di vivere il viaggio come piace a me.

La mini guida su come attrezzarsi per dormire nel Wadi Rum termina qui e come sempre spero di esserti stata utile 🙂 Se l’articolo ti è piaciuto lascia un like alla mia pagina Facebook e seguimi su Instagram Presto inizieranno nuove entusiasmanti avventure in giro per l’Europa e per il mondo. Non vorrai mica perdertele vero? 🙂

In viaggio con me

C'è tanta gente infelice che tuttavia non prende l'iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l'animo avventuroso di una donna non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. Il vero nucleo dello spirito vitale di una persona è la passione per l'avventura.

2 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »