Finora ho visitato 23 paesi e ho avuto modo di conoscere più culture completamente diverse fra loro e completamente diverse dalla mia. Viaggio proprio questo: per curiosità. Se qualcuno dovesse chiedermi se ho amato tutti e 23 i posti che ho visto risponderei sinceramente…no. Il Travel Blogger deve essere diplomatico quando racconta delle località che ha visitato? Che cosa significa “essere diplomatici?”

Il Travel Blogger deve essere diplomatico


Il Travel Blogger deve essere diplomatico quando parla di viaggi?

Tutti abbiamo una nostra opinione e sinceramente è giusto così. Il mondo è bello perché vario! Mi è capitato tante volte che qualche utente sui social, mi chiedesse se ero stata in un posto specifico e se mi fosse piaciuto. Tralasciando il fatto che i miei genitori, a prescindere da questo lavoro, mi hanno educata ad essere sempre sincera, posso assicurarvi che anche se cerco di rispettare chi è diverso da me e di apprezzare ogni luogo che visito non sempre mi sono trovata a mio agio o posso dire che ci tornerei!

Quando scrivo un articolo cerco sempre di esaltare ciò che quel paese ha realmente da offrire e questa qualità ho dovuto affinarla nel tempo e con tanta tanta pazienza. Non è stato per niente facile ed è faticoso restare obiettivi e oggettivi. Esprimersi con diplomazia sui social e negli articoli, aiuterà la community di lettori a prendere sempre più fiducia nei confronti del Travel Blogger a cui si affidano per consigli ed organizzazione.

Ho coltivato la diplomazia nel tempo e ancora non mi sento ferrata in questo campo così delicato. Ciò che entusiasma me può non entusiasmare altri e viceversa, quindi nel mio lavoro è importante non farsi prendere troppo dal sentimentalismo, di non fare di tutta l’erba un fascio e di farsi scivolare le cose di dosso.


Non credo a chi dice “sempre” e “mai”

Non credo a chi pronuncia spesso, nelle sue frasi quotidiane, gli avverbi “sempre” e “mai”. Sa di fasullo. Non è possibile per un essere umano trovarsi “sempre” bene in ogni luogo e non aver “mai” pensato di non vedere l’ora di tornare a casa. Essere umani significa avere una propria identità e ideologia e per quanto possiamo essere persone rispettose, aperte di mente e amanti dei viaggi ognuno di noi ha i propri gusti. Il Travel Blogger deve dimostrarsi diplomatico, quindi non può esprimersi con avverbi totalitari ma sempre con il giusto equilibrio.


Diplomatici si, dispregiativi no

Ammettere che non ci si è trovati bene in un posto non è sbagliato…lo è se viene detto con frasi di disprezzo o con appellativi razzisti. “Mi fa schifo quella città”, “Non sopporto quella razza”. Queste sono affermazioni del tutto fuori luogo che spesso si leggono nei commenti sotto qualche foto di viaggio e credetemi…trattenere dei sonori “ma va a cagare” non è facile ma cerco sempre di evitare e di lasciarli nella loro ignoranza e triste vita.

Il Travel Blogger deve essere diplomatico quando parla dei viaggi che affronta, soprattutto se in futuro vuole sperare di essere contattato da tour operator, agenzie di viaggio ed enti del turismo per la promozione di un territorio. Chi fa questo lavoro per professione non sceglie le mete, anzi gli vengono imposte. D’altra parte è un lavoro, non una vacanza ed è giusto farlo nel migliore dei modi.


Per concludere un Travel Blogger deve essere diplomatico o può esprimersi senza filtri? Anche se fino a poco tempo fa avrei detto che la schiettezza era da mettere al primo posto in tutto nella vita, ora posso affermare che era del tutto sbagliato pensarla in quel modo. Ci sono situazioni e situazioni, valutazioni da fare, persone da tenere in considerazione ecc, ecc. Se anche voi state pensando di guadagnare con un blog diventando travel blogger vi consiglio di acquistare questo libro interessante! 

Come diceva una vecchia pubblicità: l’equilibrio è il profumo della vita! Pace fratelli…

In viaggio con me

C'è tanta gente infelice che tuttavia non prende l'iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l'animo avventuroso di una donna non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. Il vero nucleo dello spirito vitale di una persona è la passione per l'avventura.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »