Ore 9 del giorno 8 luglio 2019. Sono pronta. Ho la valigia in mano e aspetto il bus della compagnia Memento assieme alle altre Travel Bloggers che si trovano nel mio stesso albergo, il bellissimo jw marriot.

Finalmente il mezzo arriva e siamo tutti pronti per visitare la Romania! Dopo essere stata 4 giorni in una Bucharest davvero inaspettata, sono pronta per vedere il resto del paese assieme al team di @experienceromania

Visitare la Romania


Visitare la Romania, una perla dell’Europa

Prima di arrivare avevo ricevuto via mail il programma e da brava viaggiatrice non mi sono lasciata scappare l’opportunità di sbirciare sul web tutte le città che avremmo visitato, controllare i relativi hastag e le pagine del turismo su Instagram! Dopo qualche giorno di conto alla rovescia era finalmente giunto il momento di immergermi in una nuova cultura, una cultura che non conoscevo affatto e che mi incuriosiva parecchio!

Visitare la Romania non era solo lavoro, era prima di tutto un’enorme piacere e se posso darvi un consiglio fatelo con un on the road. Sulla strada abbiamo visto tanti paesini stupendi e magnifici scorci in cui poter fare delle foto pazzesche. Potrete valutare l’idea di fermarvi dove volete per godere dei bellissimi panorami.


La partenza verso Brasov

La prima tappa è stata la bellissima Brasov. Potrei definirla un piccolo diamante tra le montagne. Appena arrivati in centro si è presentata a tutti noi con la sua imponente scritta incastonata nel monte proprio come quella di Hollywood!

Abbiamo visitato il centro che è molto colorato e la sua cattedrale più importante! Brasov ha una via in particolare che è stretta, colorata e piena di street art molto elegante!! Vorreste sapere dove si trova? Non ve lo dico 🙂 Dovrete trovarla da soli esplorando i suoi vicoli 🙂 Scherzo si chiama strada Sforii, non perdetevela!

Se invece volete sapere dove abbiamo alloggiato, ed è stato uno dei posti più belli, vi consiglio di prenotare qui, al Teleferic Grand Hotel di Poiana Brasov, un posticino di montagna ancora più in alto di Brasov all’incirca a 11/12 chilometri dalla città.  I suoi interni sono splendidi e la spa è una delle più belle in cui io sia mai stata!

Teleferic Grand Hotel, Poiana Brasov


La chiesa nera di Brasov

Questo luogo di culto non è conosciuto solo in Romania ma anche in tutta l’Europa, grazie alla sua unicità e alle sue leggende. Ogni anno vanta più di 250.000 visite. E’ la più grande chiesa della Romania e le sue dimensioni sono impressionanti. Al suo interno si trova l’organo più grande del continente europeo. Venne chiamata “Black Church” a causa di un incendio doloso.

Grazie a questi dati e alla sua storia piena di mistero è diventata la principale attrazione della città! La sua costruzione iniziò nel 1377 e ci vollero 100 anni per terminarla. Se come me amate gli edifici particolari con caratteristiche speciali e state pensando di visitare la Romania, allora dovete assolutamente inserirla nella vostra lista! Meglio se con una guida locale, imparereste molte più cose!

Se non sapete dove mangiare potete recarvi da Cucinino, un ristorante che cucina pasta fatta in casa all’italiana. Non è come mangiarla nel nostro paese ma la sfoglia non è niente male.

Se invece volete provare prodotti tipici di montagna e della cucina romena, potete recarvi a Stana Turistica che si trova a Poiana Brasov. La polenta con all’interno il formaggio è ottima e i salumi di qualità così come il caffè. Per andare a vedere il castello di Bran siamo partiti proprio dal ristorante grazie a dei pulmini turistici.

In 40 minuti siamo arrivati al castello e lì ho ricevuto la mia seconda intervista da una tv locale 🙂

Il panorama è splendido e si può mangiare all’aperto. Portatevi sempre un k-way perché il tempo cambia molto velocemente.


Sighisoara, la città medioevale più bella della Romania

Se state organizzando un on the road per visitare la Romania, dopo che avrete fatto tappa a Brasov potete recarvi nella cittadina medioevale di Sighisoara, una delle mie preferite in assoluto anche se fu la casa natale del terribile conte Dracula. Sapete che amo  tutto ciò che è medioevale…se non fosse così non avrebbe avuto senso venire in Romania 🙂

Sapevate che è stata nominata patrimonio dell’umanità dell’UNESCO? Ogni anno si tiene un festival medioevale nell’ultima settimana di luglio. Se volete vederlo vi condivido un link per poter prenotare un hotel a Sighisoara.

Un altro ottimo motivo per venire qui è che la cittadina rappresenta una delle poche città fortificate ancora abitate. Questo la rende davvero unica! Quello che ho trovato più interessante sono le case degli artigiani e grazie all’appoggio del governo rumeno, sono in grado di conservare ancora i laboratori con gli attrezzi di lavoro.

La guida ci ha spiegato che la torre dell’orologio è il simbolo della città. E’ alta 64 metri e fu costruita nel 1556. Al suo interno troverete un museo storico che potrete visitare.

Se volete mangiare dei prodotti genuini in un posto semplice, molto colorato, a conduzione famigliare e poco lontano dal centro vi consiglio un posticino stupendo immerso nelle campagne che si chiama: Fattoria Organica Topa! Segnatevelo soprattutto se state facendo un on the road, ma anche se non disponeste di un auto noleggiata, ricordatevi che Uber in Romania costa pochissimo!


La contrastante Oradea

A primo impatto Oradea non mi ha fatto impazzire. Ammetto di averla giudicata male perché una volta arrivata nella piazza principale sono rimasta a bocca aperta!

La nostra guida di Visit Oradea, ci ha fatto notare le diverse strutture architettoniche tutte riunite in un’unica piazza. E’ stato incredibile. Qui hanno convissuto diverse culture e religioni contemporaneamente portando ad Oradea tanta diversità. Tuttora si respira un’aria di libertà di pensiero e d’espressione che ho apprezzato molto. La bellezza di un popolo sta nella sua apertura mentale e nel rispetto verso il diverso.

Non avevo mai visto piazze di questo tipo. Quella di Oradea non è l’unica…continuate a leggere…

Sapete che vado pazza per le architetture particolari, così ho fatto 200 scatti che ora vi condividerò. Se vi serve un’ottima macchina fotografica per i vostri prossimi viaggi, potete acquistare questa…è una bomba! Prima di arrivare in centro siamo stati portati nella chiesa principale della città, all’esterno si presenta giallo pulcino quindi non potete sbagliarvi!

Anche gli interni sono molto belli e vale lo stesso per il giardino esterno che era molto ben curato.

Subito dopo siamo stati portati in un’antica farmacia con laboratorio e mini biblioteca medica annessi. Se amate il vintage e fare un tuffo nel passato potrete soddisfare la vostra curiosità andandola a vedere.

Tornando alle bellezze del centro, la via che lo precede è un continuo alternarsi di palazzi old e new style!

Anche questa cosa mi è piaciuta molto! Solitamente nelle città c’è la parte nuova raggruppata in un unico punto e idem per quella storico-antica.

Qui è tutto mischiato e accontenta ogni tipo di turista! Per pranzo ci siamo recati al Maetic dove ho assaggiato un pollo con salsa di verdure strepitoso! Dovete assolutamente andarci!

Ho dormito in un fantastico hotel, che vi consiglio di prenotare, in cui ho potuto godere di una super spa. Il suo nome è: Double Tree by Hilton. Ci hanno accolto donandoci molti regali e le camere erano magnifiche.

Oradea è stata una bellissima sorpresa! Qui ho ricevuto la mia prima intervista tv e una menzione su un giornale online rumeno molto seguito. 


Timisoara, una grandissima sorpresa

Come Brasov anche Timisoara è stata una sorpresa. Se visitate la Romania non perdetevi questa città perché a breve diventerà molto molto importante! A molti rumeni non piace ma io l’ho adorata! Come Oradea la piazza principale è uno spettacolo di architetture.

Prima di tutto siamo stati portati in una sala riunioni per la presentazione di alcuni progetti molto importanti che la riguardano; nel 2021 Timisoara sarà nominata capitale europea del turismo.

Dopo aver disfatto le valigie nel bellissimo hotel Pensiunea Zefir, che vi consiglio assolutamente, ci siamo persi nei meravigliosi vicoli della città scoprendo scorci stupendi e visitando la chiesa principale. Se per caso volete qualcosa di più centrale vi lascio il link per cercare altri hotel a Timisoara. La cattedrale è stata costruita su una palude ed è sorretta da 5 mila tronchi di querce che le impediscono di sprofondare!

Anche qui si può notare l’influenza di tante culture diverse. Timisoara viene definita la piccola venezia dato che viene attraversata dal fiume Bega. Avrei dovuto fare una bellissima crociera ma avevo un fortissimo mal di testa quindi sono tornata in albergo. Spero che ci sarà una prossima volta!

Uno dei momenti più toccanti lo abbiamo passato all’interno del memoriale della rivoluzione che questo popolo affrontò nel 1989.

Non posso raccontare in 4 righe quello che ho visto, provato ed ascoltato. Non mi sembra rispettoso. Voglio dedicare un articolo intero solo per questa esperienza e spiegarvi tutto in maniera approfondita. L’articolo si intitolerà: “Il memoriale di Timisoara, il prezzo della libertà“.


Corvin Castle

Nella strada per il ritorno verso Bucharest da Tragu Mures, ci siamo fermati a visitare questo bellissimo castello. E’ molto più bello del castello di Bran. Dentro era spettacolare e qualche antica sala è ancora ben intatta.

Il Corvin Castle si trova a Hunedoara, il suo stile è gotico e si pensa che sia stato il luogo in cui il conte Vlad sia stato tenuto prigioniero da Mattia Corvino. Fino al 1541 era di dominio dell’Ungheria ma poi diventò un tesoro prezioso di questo paese e della regione della Transilvania!


Che dire…quello che penso della Romania già lo sapete o se non altro ve l’ho fatto capire bene…per me è splendida e per ora ho potuto vedere solo la regione della Transilvania. Visitare la Romania è stato un’onore e un vero piacere!

In viaggio con me

C'è tanta gente infelice che tuttavia non prende l'iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l'animo avventuroso di una donna non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. Il vero nucleo dello spirito vitale di una persona è la passione per l'avventura.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »