le mete da non perdere a Bucharest

Ed eccoci di nuovo a parlare della Romania. Dopo il blog tour di quest’estate, e dopo aver già pubblicato in merito sia un resoconto su Bucharest che un altro su un tour della Romania, voglio tornare e tirare le somme su quanto secondo me è imperdibile. La capitale non è genericamente considerata fra le mete più interessanti per una vacanza, ma dal mio viaggio è emersa come una città che merita almeno una visita. Bucharest è ricca di mete affascinanti da non perdere e che saranno in grado di ribaltare completamente i più radicati luoghi comuni. Queste sono le tappe che ritengo fondamentali per un’esperienza in città!

Le mete da non perdere a Bucharest, palazzo reale

Una visita deve essere assolutamente dedicata all’edificio che è contemporaneamente l’ex Palazzo Reale e il Museo Nazionale di Arte Romena. Sotto il profilo culturale, il museo nazionale non può mancare per comprendere l’evoluzione artistica e intellettuale che ha accompagnato la Romania: ospita opere che abbracciano un arco di tempo che va dal Medioevo al 1800, con il fiore all’occhiello costituito da alcune opere di Monet. Le visite variano in prezzo e giorni a seconda del circuito che si sceglie di percorrere tra le varie esposizioni, sul sito ufficiale del museo è presente un elenco schematico in inglese.

L’edificio all’interno del quale trova accoglimento il museo invece è l’ex palazzo reale, costruito in stile neoclassico nei primi dell’800 e sede del potere monarchico romeno. Ha attraversato alcuni fra i periodi più travagliati della difficile storia della nazione, venendo distrutto e ricostruito in svariate occasioni: un incendio nel 1927, bombardamenti tedeschi nella seconda guerra mondiale, i moti rivoluzionari del 1989. Si tratta di un simbolo molto importante sia per la capitale che per il paese stesso, motivo per cui è una delle mete da non perdere a Bucharest.

Curtea Veche

Rimanendo in contesto culturale, merita una menzione la Curtea Veche, edificata come residenza fortificata da Vlad Tepes, meglio noto come Vlad l’Impalatore e romanzato nella figura del Conte Dracula. Eroe nazionale per il suo contributo nel periodo di costante belligeranza con i turchi, è una figura di riferimento per la storia romena.

Parco Tinerutului

Bucharest ospita al suo interno diversi parchi, fra i quali uno dei più grandi è il Parco Tinerutului, o parco della gioventù. Nato come area verde pensata per ospitare zone di svago e sport, ha ampiamente realizzato le aspettative che ne hanno accompagnato il progetto: la città mostra infatti una grande passione per le attività sportive.

Ospita le due maggiori società calcistiche romene, capaci di spartirsi ben 43 campionati nazionali e fra le quali esiste una accesa rivalità: la Dinamo Bucarest è la divisione di calcio della società polisportiva omonima, mentre la Steaua Bucarest è la squadra che ha visto fra le sue fila quello che è considerato il miglior calciatore romeno della storia, Gheorghe Hagi, passato in Italia con la divisa del Brescia.

Oltre il calcio, Bucharest è da tempo ospite di altri tornei sportivi, come il caso del Main Event tenutosi nel 2017 vinto da Sam Grafton, e più in generale è in grado di offrire spazi per varie attività sportive, dal ciclismo al nuoto al basket, fra i suoi spazi verdi e aree espressamente dedicate.

Centro storico e città vecchia

Non è una vera e propria meta e soprattutto ne ho già parlato; però una delle tappe assolutamente obbligatorie di Bucharest è il suo centro storico e la città vecchia. Il nucleo più antico della città è un intreccio di vie ciottolate sulle quali si affacciano innumerevoli locali e ristorantini, spesso a conduzione familiare e nei quali il tempo sembra essersi fermato.

Consiglio assolutamente una passeggiata per via Lipscani, che ancora oggi è il luogo per eccellenza delle piccole botteghe mercantili e artigiane. Il nome attuale, non a caso, deriva dalla comunità di commercianti provenienti da Lipsia e che stabilirono le loro botteghe in quella via, che prima di allora si chiamava semplicemente Ulita Mare, o Via Grande.

Nella città vecchia, sopravvissuta a tutte le vicissitudini naturali e politiche della Romania, si possono trovare la già citata corte di Vlad, il Monastero di Stavropoleos in pieno stile bizantino e i tipici mercatini, eredità dei bazar ottomani.

È il posto perfetto, inoltre, per poter gustare i sapori tipici della cucina regionale. Potrete approfittare dei venditori di street food o dei locali che si affacciano sulle stradine. Porterà via un po’ di tempo, ma è il modo migliore per immergersi nelle atmosfere di questa splendida città!

Queste sono parte delle splendide mete da non perdere a Bucharest, una città che lascia decisamente il suo segno!

In viaggio con me

C'è tanta gente infelice che tuttavia non prende l'iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l'animo avventuroso di una donna non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. Il vero nucleo dello spirito vitale di una persona è la passione per l'avventura.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »