Ho ricevuto tantissime domande dopo avervi filmato la visita al castello Mattei sulle Instagram Stories e così il primo articolo della settimana lo dedico a rispondere alle vostre curiosità, fornendovi tutte le informazioni necessarie sulla Rocchetta Mattei!

Mi vergogno tantissimo nel scrivervi questo articolo soltanto ora. Si trova a soli 15 minuti di macchina da casa mia ed è stata riaperta nel 2015 dopo una lunghissima ristrutturazione. Questo sarebbe dovuto essere uno dei primi articoli sul blog e invece no. Mi perdonate vero?

Informazioni necessarie sulla Rocchetta Mattei

Rocchetta Mattei, informazioni necessarie per vederla dall’interno!

La prima informazione necessaria per visitare la Rocchetta Mattei riguarda il biglietto d’ingresso. Dovrete acquistare il ticket online da questo sito e stamparlo.

L’ingresso costa 10 euro e per i più piccoli 5. Si può visitare solo nei weekend e sul sito sono indicati gli ingressi gratuiti ma dato che ne approfitteranno moltissime persone non è facile trovare posto!

Sapevate che oltre alla visita si può affittare anche per matrimoni civili, eventi e convegni? Sarebbe davvero romantico sposarsi in un castello. La Rocchetta Mattei è molto elegante e scenica grazie alle tante stanze che possiede e che ricordano tante culture diverse: quella indiana, araba, spagnola e persino peruviana.

Rocchetta Mattei, indicazioni importanti per il tour

La seconda indicazione importante che vi do per non rovinarvi la visita alla Rocchetta Mattei è di scrivere a questo indirizzo mail cosa si può e non si può introdurre al suo interno. rocchettamattei@comune.grizzanamorandi.bo.it

Vi faccio un esempio: essendomi appassionata alla fotografia mi sono comprata un cavalletto e ovviamente lo porto sempre con me. All’ingresso, quando mi hanno chiesto il ticket, lo hanno notato 3 responsabili ( dato che è enorme ) ma nessuno mi ha detto che non è gradito durante le visite in gruppo e nemmeno che esistessero ingressi appositi per i fotografi dal costo ovviamente maggiore.

Per evitare di discussioni mandate un mail per rcievere maggiori chiarimenti.

Non si possono fare video e foto con il flash e l’abbigliamento deve essere comodo. Durante la gita ho notato delle ragazze con dei tacchi altissimi. Si chiama “Rocchetta Mattei” per un motivo preciso 🙂 Appena si varca il cancello si notano già le prime curve in salita, la ghiaia e le scalinate per arrivare in cima. Farete molto spesso sali-scendi quindi meglio entrare con scarpe basse o da ginnastica e con gonne non troppo lunghe per evitare di inciampare sui gradini.

Rocchetta Mattei, informazioni necessarie per fare le foto

Dato che non vi verrà lasciato tanto tempo per farvi le foto dentro la Rocchetta Mattei, ho deciso di scrivervi qualche informazione utile per farne di bellissime. Partiamo dal luogo che mi ha impressionato di più: la stanza dei leoni.

Informazioni necessarie sulla Rocchetta Mattei

Questa stanza è stata costruita in stile moresco e ricorda sia il cortile dell’Alhambra a Granada che Siviglia grazie a queste piastrelle colorate, chiamate maioliche, che circondano il cortile. Entrare senza esclamare WOW è impossibile.

Ci siamo fermati di colpo per via dello stupore; improvvisamente non ci trovavamo più nel medioevo ma in un’altra epoca di un luogo completamente diverso dall’Italia. Questa è la magia della Rocchetta Mattei. Sa trasportarti in posti ed epoche diverse.

Informazioni utili sulla Rocchetta Mattei

Cortile all’ingresso

Altri due luoghi assolutamente instagrammabile sono il cortile all’ingresso e la porta d’entrata. Questi due posti vi ricorderanno il Marocco anche se non ci siete mai stati.

Lo stile arabo è molto presente e se vi fa impazzire quanto fa impazzire me non smetterete di guardarvi intorno con la bocca aperta e il naso all’insù.

Alcune porte, ad esempio questa, mi hanno ricordato le architetture indiane, in particolare le linee sinuose dell’arco.

Balcone esterno

Prima di iniziare la visita, proprio dove si trova la biglietteria, c’è una piccola scalinata con un balconcino super romantico in cui fare delle bellissime foto ricordo.

Cappella privata

Dulcis in fundo, la Cappella privata del Conte Mattei, è uno dei posti più affascinanti. Le colonne, quelle in bianco e nero, non sono dipinte ma sono realizzate in tessuto, dettaglio molto difficile da captare.

Anche i soffitti non sono quello che sembrano; appaiono intagliati a mano ma in realtà sono stati dipinti e altri ancora sono realizzati in carta! La Rocchetta Mattei è un’insieme di culture, stili e colori davvero impressionante. Non ho mai visto nulla di simile in vita mia.

Anche questa zona ricorda un luogo collocato in un altro punto del mondo: la Mezquita di Cordoba e oltre ad averlo sentito dalla guida me lo avete scritto in tantissimi anche su Instagram! Nel punto in cui tutti si fermano a fare la foto si trova la bara con all’interno il Conte in persona, forse è la parte più importante di tutta la Rocchetta Mattei.

Il gioco delle prospettive che si viene a formare è meraviglioso! Sarei rimasta molto più tempo ma come vi raccontato sui miei canali social ci hanno messo talmente tanta fretta che me la sono goduta pochissimo. Fortunatamente è piaciuta a molti dei miei amici quindi ci saranno altre occasioni per potersi godere l’atmosfera ed osservare meglio i dettagli!

Informazioni importanti sulla storia della Rocchetta Mattei e sul Conte

Descriverei il nostro Conte come un uomo ambizioso; non voleva conquistare fama attorno alla sua figura ma aiutare chi si trovava in difficoltà. Creò una cura medica tutta sua chiamata Elettromiopatia e il suo scopo era di distribuire questo rimedio gratuitamente.

Per i primi anni ci riuscii ma poi i costi aumentarono troppo e dovette attribuirgli un prezzo per la vendita. La distribuzione di questa cura continuò anche dopo la sua morte grazie ai suoi eredi. La cosa non durò molto perché poco dopo i laboratori furono costretti a chiudere.

Il Conte Mattei era conosciuto in tutto il mondo e visse fino all’età di 87 anni. Era un uomo pacifico e buono e riuscì a trasmettere queste virtù ai suoi successori che dedicarono un’intera stanza del castello alla pace, in onore della fine della prima guerra mondiale.

Potrete notare la parola PAX intagliata in cima alla porta. Le pareti di questa stanza sono state tutte ricostruite perché estremamente danneggiate a causa del vandalismo! Gli abitanti della zona hanno sempre saputo quanto fosse importante la Rocchetta Mattei ed essa fu spesso depredata dei suoi beni storici, compresa la tappezzeria delle pareti.

Cosa vedere nei dintorni della Rocchetta Mattei e dove mangiare

Sarebbe un peccato arrivare fin qui e visitare soltanto la Rocchetta Mattei. Essendo della zona conosco molti posti gratuiti che sono assolutamente da visitare almeno una volta nella vita!

Grotte di Labante

Le Grotte di Labante si trovano a 30 minuti dalla Rocchetta Mattei e sono incantevoli. L’ingresso è gratuito e se splende il sole potete fare un bel pranzo al sacco immersi nella natura con un ottimo sound apprezzato soprattutto da chi abita in città.

Da li potete proseguire per altri 15 minuti e raggiungere il buonissimo Pub Numer One! I panini che fanno qui sono strepitosi ma ci sono anche primi piatti per chi adorasse la pasta! Il locale è molto vintage e i proprietari sono simpaticissimi e amano viaggiare!

Se invece avete poco tempo potete pranzare a Porretta Terme, io vi consiglio i ristoranti La Tana e La Veranda. Si trovano entrambi in Via Mazzini, la via principale del paese, il cibo è ottimo e a prezzi molto ragionevoli. Alla Tana vi consiglio di assaggiare la crespella ai funghi porcini e alla Veranda qualche piatto di pesce. Porretta Terme si trova a 10 minuti dalla Rocchetta Mattei.

Booking.com

Borgo La Scola

A 10 minuti di distanza c’è un borghetto meraviglioso che viene spesso utilizzato come location per i matrimoni data la sua incredibile bellezza. Non è tanto grande ma merita una visita, vi assicuro che rimarrete a bocca aperta. La sua bellezza raggiunge il culmine durante la primavera e l’estate.

Spero di avervi dato tutte le informazioni necessarie per la visita alla Rocchetta Mattei. Io l’ho trovato un luogo straordinario, unico nel suo genere, pittoresco e molto romantico. Spero che proverete le mie stesse sensazioni e spero che le possiate godere meglio di come le ho godute io.

In viaggio con me

C'è tanta gente infelice che tuttavia non prende l'iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l'animo avventuroso di una donna non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. Il vero nucleo dello spirito vitale di una persona è la passione per l'avventura.

2 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »