Tempo di lettura: 3 minuti

turismo musicale

Avevi mai pensato al fatto che il mondo della musica sia in grado di dare un grandissimo aiuto al mondo dei viaggi? Questo fenomeno si chiama “turismo musicale” e oggi ti spiegherò che cos’è e come funziona.

La musica e il mondo travel sono legati da sempre. Quante volte hai sentito una canzone che, non si sa perché, ti ha riportato in un luogo in cui eri stato/a in passato o ha fatto galoppare la tua fantasia portandoti in luoghi che ancora devi visitare?

Come la musica agisca sul nostro cervello è ancora un mistero ma so di per certo che è anche grazie a lei se, ogni tanto, riesco a viaggiare con la fantasia per non parlare delle canzoni sui viaggi, che fomentano la mia voglia di viaggiare ed esplorare terre lontane.

La musica regola la nostra vita dall’inizio dei tempi e man mano che la tecnologia si è fatta sempre più sopraffina, alcuni strumenti tecnologici come il Soundbar di Panasonic, ci permettono di ascoltare le nostre canzoni preferite riuscendo a scandire suono per suono e nota per nota. E’ uno strumento utilissimo per chi ama ispirarsi durante qualsiasi attività lasciandosi guidare dal suono definito e preciso delle sue favorite songs! 

Turismo musicale: che cos’è e come ha aiutato il mondo travel

turismo musicale

Il turismo musicale è quel fenomeno che inevitabilmente porta aiuto alle strutture e alle attività legate al mondo del turismo, grazie ad eventi musicali come ad esempio concerti e festival.

Ti sei mai fermato/a a riflettere sulla mole di turisti che attira un evento musicale? Chi è fan sfegatato di determinati cantanti o gruppi è facile che si sposti per seguire la sua bend preferita, ed è inevitabile che prenoti una notte in un albergo o che prenda treni, aerei e bus per spostarsi dalla propria città natale a quella di destinazione del concerto. 

Ti faccio qualche esempio pratico: pensa a quanto possa aver incassato Liverpool grazie ai mitici Beatles oppure al Coachella, un festival musicale della durata di 3 giorni che si svolge tutti gli anni negli USA alla fine di aprile. A questo evento partecipano persone da tutto il mondo quindi prova ad immaginare quanto, tutto questo, porti beneficio al mondo travel e a chi ci lavora.

Molti fan uniscono la passione per la musica al mondo travel e finito l’evento, iniziano a gironzolare per il paese, città o zona che ha ospitato il gruppo musicale o festival. Ne hanno beneficio anche i luoghi in cui sono stati i vip: gli alberghi, i bar, ristoranti ecc, ecc.

Io abito vicino a Bologna e ti assicuro che il Roxy Bar, nominato dal mitico Vasco Rossi in una delle sue canzoni, è stato visitato da milioni di turisti e fan del cantante.

In Italia il turismo musicale è un fenomeno ancora in via di sviluppo ed essendo specializzati per lo più in musica classica, l’età media dei viaggiatori che arrivano qui per questo motivo, va dai 60 anni in su perciò è molto più difficile vederli scodinzolare qua e la per il paese terminata l’opera o qualsiasi altro evento musicale.

La info sul turismo musicale terminano qui e come sempre spero di esserti stata utile 🙂 Se l’articolo ti è piaciuto lascia un like alla mia pagina Facebook e seguimi su Instagram Presto inizieranno nuove entusiasmanti avventure in giro per l’Europa e per il mondo. Non vorrai mica perdertele vero? 🙂

In viaggio con me

C'è tanta gente infelice che tuttavia non prende l'iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l'animo avventuroso di una donna non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. Il vero nucleo dello spirito vitale di una persona è la passione per l'avventura.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »