Vi avevo già parlato del mio collega e amico Christian di Giulio, autore del blog: www.lonelytravelsit.it, e della sua passione per il continente Americano; oggi ci concentreremo sul perché scegliere la California piuttosto che un’altra destinazione! La scorsa volta abbiamo considerato le 10 cose da sapere per visitare gli Stati Uniti, Christian è un ragazzo che ama tutto ciò che questa nazione sa trasmettere e quest’anno tornerà per la quarta volta negli Stati Uniti.

Perché scegliere la California


Che indumenti consigli di portare in California?

Dipende molto da che tipo di viaggio si vuole fare, dal periodo e dalle zone che si vogliono visitare. Ad esempio se vuole visitare New York in inverno bisogna essere pronti al freddo che ti entra nelle ossa, mentre invece se la si vuole visitare in altri periodi dell’anno non ci sono grossi problemi.

Per quanto riguarda la California, a parte alcune città come San Francisco dove anche d’estate è abbastanza freddo, non ci sono grossi problemi di temperature basse. Anche se si organizza un viaggio in estate conviene sempre portare un paio di abiti lunghi per la sera.


Perché scegliere la California; visitare Los Angeles

Los Angeles non è solo una città, ma uno stile di vita. E’ una città enorme e piena di quartieri uno più bello dell’altro; Hollywood, Downtown, Venice ecc,ecc. Tutto è più tranquillo o comunque meno frenetico rispetto a città come New York, anche se non si direbbe guardando quanto traffico c’è. Si respira il “take it easy” tipico delle città di mare.

E’ una città magica dai mille volti che si divide tra serfisti, gang e cultura hiphop, hollywood e stelle del cinema, homeless, e cultura messicana.

Un po’ come in una grande soap opera. Almeno questa è la mia personale visione di LA. Diffidate da chi vi dice che bastano 3-4 giorni per visitarla, perché bisogna farla entrare sottopelle per iniziare a capirla e viverla a pieno.


Perché scegliere la California; le escursioni imperdibili

Antelope Canyon

Sicuramente i parchi nazionali che comprendono anche i canyon, sono le escursioni più belle da organizzare. Nel mio on the road tra California, Nevada, Arizona e Utah c’è molto da visitare con paesaggi che lasciano a bocca aperta.

Sequoia Park

Sicuramente il Sequoia Park con le sue querce enormi è uno di questi. Da non tralasciare è la Death Valley, dove si può fare canyoning e in autonomia (ovviamente con intelligenza) e che ha un paesaggio che varia dal deserto alla montagna per poi toccare il punto più basso sotto il livello del mare.

Death Valley

Per quanto riguarda i Canyon c’è solo l’imbarazzo della scelta, bisogna solo decidere quale parte del Grand Canyon visitare. I miei preferiti sono L’Antelope Canyon e l’Horseshe Band (Arizona) seguiti subito dalla Monument Valley e dal Bryce Canyon (Utah).

Bryce Canyon

 

Antelope Canyon

Per poter organizzare il tutto al meglio bisogna necessariamente documentarsi per tempo in modo da scegliere il miglior itinerario possibile, anche perché le distanze sono molto grandi (parlo anche di ore di macchina). Non è necessario prenotare da casa, ma si può fare tutto sul posto. Forse l’unico che conviene prenotare in anticipo è l’Antelope Canyon, che deve essere visitato in determinati orari per poterne cogliere a pieno la bellezza.

Inoltre si può acquistare, direttamente all’ingresso dei parchi o anche via internet, la card parchi al costo di 80$ che permette di entrare in tutti i parchi nazionali (quindi solo quelli che nel nome hanno National Park). Se pensate di visitarne almeno 3 conviene acquistare questa tessera, risparmiando un bel po’ dato che l’ingresso ha un costo medio intorno ai 30$.


La cosa più importante è essere consapevoli che si tratta di ambienti “ostili” e con temperature molto alte, quindi un è necessaria un minimo di accortezza almeno nell’abbigliamento e nelle scarpe da indossare ed essere pronti a fare un po’ di fatica, soprattutto nella Death Valley.


Perché scegliere la California per il proprio viaggio di nozze

Assolutamente si anche se non sono un esperto di viaggi di nozze, per fortuna:)
Penso che gli Stati Uniti si prestino molto per viaggi del genere. Sia se vuole fare un viaggio di nozze completamente in suolo americano, sia se ci si voglia dirigere in una dei paradisi terrestri “vicini” all’America come ad esempio girovagare per le Hawaii. Tra l’altro questa è la meta del mio prossimo viaggio ad agosto, ovviamente in solitaria. Oltre alle isole visiterò San Francisco. Spero di ricevere un’altra intervista e potervi raccontare anche questo viaggio.


Hai mai incontrato un personaggio famoso girando per LA?

Purtroppo non ho mai incontrato nessuno di famoso. A meno che i sosia che si incontrano per strada o nei vari locali non siano considerati tali. La cosa bella è che in posti come Los Angeles, chiunque può diventare qualcuno da un giorno all’altro. Magari la cameriera che mi ha servito la colazione, domani sarà la nuova stella di Hollywood, oppure il più anonimo ragazzo di colore che vende i propri inediti per pochi dollari diventerà il nuovo 50cent…chi può dirlo!!!


Qual’è il cibo migliore da assaggiare in California?

In America si può mangiare di tutto proveniente da tutto il mondo. E’ difficile trovare piatti tipici nel vero senso della parola, come per l’Italia. È più facile trovare cibi tipici della zona dovute alla varie contaminazioni etniche, come può essere il Burrito per la California. Durante i miei viaggi mi piace molto vivere in strada e di conseguenza mangiare tutti i tipi diversi di street food che posso trovare. Fino ad ora l’hamburger di Shake Shack mangiato a New York non ha avuto eguali. Un’altra pietanza che vorrei mangiare, e che mi ispira da molto tempo è il Gambo. Si tratta di una zuppa di carne e pesce tipica della Louisiana.


Ti è mai capitata una brutta esperienza girando per la California?

Fortunatamente non ho mai avuti brutte esperienze in America. Anzi l’unica che mi è capitate è stata in Europa.
Ovvio che in un paese come l’America bisogna prestare sempre attenzione, soprattutto se si viaggia da soli e di notte. Queste regole valgono per qualsiasi posto si visiti, compresa la nostra città natale.

Le mie uniche disavventure negli States sono state due; aver preso diverse multe e in un paio di occasioni essere fermato dalla polizia con le sirene accese. Non è semplice guidare in strade mai viste, con un auto mai guidata prima e soprattutto non è semplice organizzare un on the in California.

Bisogna prestare molta attenzione sia al parcheggio, anche perché dove e come parcheggiare non è proprio intuitivo, sia ai limiti di velocità che cambiano in base alla tipologia di strada che si percorre. Inoltre molti semafori sono dotati di telecamere quindi fate attenzione a passare con il giallo. A volte è capitato che la polizia sbucasse fuori dal nulla con tanto di sirene accese in perfetto stile CSI.


I sogni sono fatti di viaggi e il sogno di Christian è quello di trasmettere il più possibile l’amore per gli USA ai suoi lettori. Come vi spiegavo nell’articolo precedente non ho la possibilità, al momento, di recarmi negli States. Sperò di vedere tutto questo con i miei occhi, ma per ora i miei impegni lavorativi me lo impediscono, quindi ho voluto dare la possibilità al mio collega di spiegare questo tipo di viaggio a chi desiderasse organizzarlo.

 

In viaggio con me

C'è tanta gente infelice che tuttavia non prende l'iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l'animo avventuroso di una donna non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. Il vero nucleo dello spirito vitale di una persona è la passione per l'avventura.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »