Mi capitata spesso di voler organizzare un viaggio con l’idea di scoprire una nuova meta utilizzando l’auto; oggi vi spiegherò come si organizza un on the road, come valutare la scelta del giusto mezzo, come scoprire i posti più belli, quali oggetti portare e tanto altro 🙂

Come si organizza un on the road alla scoperta di un'isola Greca


Come si organizza un on the road; prendete una cartina

Da qualche mese a questa parte, non appena giungo a destinazione prendo la cartina geografica che trovo in aeroporto e la sbircio accuratamente. So cosa state pensando. Conosco i miei lettori… “Selly…ma è davvero così utile? Non basta internet”? Sì…il web è il nostro braccio destro. La cartina geografica è quello sinistro. Come ad un essere umano servono entrambe le braccia, allo stesso modo il viaggiatore si serve di entrambi gli strumenti. Sulla cartina sono indicate tutte le città, le spiagge (anche quelle non considerate dai motori di ricerca) e infine tutte le attrazioni più belle da visitare.

Grazie all’utilizzo della cartina ho scoperto una delle 11 spiagge più belle di Rodi; Glystra Beach, la valle delle farfalle, che per ragioni di tempo non ho potuto visitare e tanto altro. Una volta individuati i punti di nostro interesse, ecco che entra in gioco il web che vi aiuterà a scoprire informazioni in più come costi, orari, giorni d’apertura e cosa aspettarvi da quella gita.


Scegliete i giusti accessori

Se passerete molte ore in auto sarà utile avere sempre con sé degli ottimi occhiali da sole. Io uso quelli della Southway. Sono leggeri, alla moda, proteggono a dovere i nostri occhi e sono polarizzati 🙂 Vi lascio il sito qui.  https://southway.it/


Come si organizza un on the road; come scegliere il mezzo giusto

Quando parti alla volta di un posto nuovo da visitare è normale chiedersi come siano le strade che percorreremo, a quale sito rivolgersi, se serva o no la patente internazionale o qualche permesso specifico.

Partiamo dal primo quesito: le strade. Rodi ha delle strade perfette!!! Nessuna buca, molto larghe, pochi autovelox e infine segnaletica corretta e sempre presente oltre che curata. Potrebbe non essere sempre così. Navigando un po’ su internet ho trovato parecchi siti di prenotazione auto, motorini o quod. Il quod mi ha fatto pensare che alcuni punti forse sarebbero stati complicati, quindi ho escluso immediatamente il motorino e optato per l’auto.

Questo è il sito a cui io mi sono rivolta https://www.holidayautos.com/it#/searchcars

Non abbiate fretta di prenotare sul primo in cui capitate. Viviamo nel commercio…tutto è vendibile…ci sarà SEMPRE chi vi fa un’offerta migliore e uno che ve ne farà una peggiore.

Assicurazione

Quando si parte per un viaggio, soprattutto un on the road è bene assicurare sia noi stessi che il mezzo che ci accompagnerà durante questa avventura. Molto spesso la pagina web in cui prenoteremo l’auto o il motorino offriranno di per sé un’assicurazione aggiuntiva. Se la cifra supera i 70 euro lasciate perdere, è troppo. Aspettate di farla in loco, nel punto di ritiro del mezzo di trasporto…ve ne offriranno una più conveniente!!! Ne ho stipulata una da 60 euro che comprendeva tutto: furto, incidenti, incendio, scoppio e danni causati dagli animali (occhio alle capre…sono ovunque e adorano l’essere umano)

Patente e altri documenti

Non trovandoci in Italia, è bene fare ricerche accurate in merito alla patente richiesta nello stato in cui ci ritroveremo a guidare per qualche giorno. Nel caso di Rodi basta fornire la patente italiana allegata ad un documento d’identità come carta d’identità o passaporto. Se siete in gruppo SOLO uno potrà guidare l’auto. Se venite fermati dalla polizia locale per un controllo e al volante trovassero altre persone saranno guai. Evitate.

Per chi mi segue sui miei canali social sa bene che il mio secondo giorno a Rodi è stato rovinato proprio dalla macchina. Mio marito dimenticò le luci accese e la batteria si scaricò completamente. Mi prese il panico e ricordai che all’autonoleggio mi diedero due numeri da contattare in caso succedesse qualsiasi cosa…tenete il foglio di circolazione SEMPRE con voi e salvate i numeri sul vostro telefono.

Se non sapete l’inglese prima di partire, cercate di memorizzare le frasi più importanti legate ad un incidente o ad un eventuale problema. Se volete sapere com’è finita la mia disavventura  leggete questo articolo https://www.inviaggioconme.org/2018/07/12/il-mio-tragicomico-viaggio-a-lindos-auto-morta/

Batterie di riserva

Avete presente i film dell’orrore? Il mostro o serial killer spunta sempre quando i protagonisti hanno il cellulare scarico 🙂 Questo per dire che la sfortuna non viaggia mai da sola. Portiamo sempre una batteria di riserva per il nostro cellulare.

Io ne ho comprata una ad Atene e la porto sempre con me durante i miei viaggi. Con il lavoro che svolgo ho spesso il telefono in mano per fare foto, stories, contattare clienti, colleghi, amici e tanto altro. E’ facile che si scarichi presto. Se dovesse mai capitarvi qualcosa il telefono diventerà il vostro migliore amico.


Come organizzare un on the road; cibo e acqua

Non so voi, ma io ho sempre fame 🙂 Anche quando non sono in viaggio porto sempre con me qualcosa da mangiare; gallette di riso, un pastina al cioccolato crackers ecc,ecc.

Organizzare un on the road equivale a non sapere mai a che ora tornerai a casa. Ho trovato utile acquistare una borsa frigo per avere con me sempre dei viveri.

Se non l’avete potete sbirciare l’account Instagram di Troppotogo. Hanno sempre degli oggetti splendidi che io adoro alla follia!!! Sono colorati, particolari e unici. Creati con una fantasia impressionante. Vi lascio l’account qui, sono sicura che comprerete di tutto! https://www.instagram.com/troppotogo/


Sim card

Se state organizzando il vostro on the road all’estero, non dimenticate di comprarvi un sim locale. Funzionano benissimo. Se invece lo stato state pianificando in Europa ricordatevi che sono cambiate le leggi in merito al Roaming dati. Io le ho acquistate per il mio viaggio in Asia e non ho mai avuto un problema. Appena atterrerete all’aeroporto acquistatene una. Troverete vari sportelli di compagnie telefoniche locali e vi basterà consegnargli il vostro telefono, faranno tutto gli addetti. Scegliete il piano tariffario che fa al caso vostro e poi non vi resta che condividere con il mondo il vostro viaggio 🙂


Scaricate app utili

Ci sono davvero moltissime applicazioni che consentono di affrontare al meglio un on the road. Un app molto valida è Trip4real, oppure Spottedbylocals, Meet2Talk e Withlocals la mia preferita in assoluto.


Come organizzare un on the road; occhio alle regole della strada

Oltre a fare una ricerca sui documenti utili, fate anche ricerche sul tipo di regolamento stradale. Ad esempio quando ho organizzato il mio primo on the road di gruppo in giro per l’Europa, sapevo che avrei passato molte ore per le autostrade della Germania e scoprii che non ci sono limiti di velocità al contrario dell’Italia.


Spero di avervi aiutato a capire meglio come poter organizzare un valido e memorabile on the road. Sia che lo proviate in Grecia o all’estero, seguite questi consigli e non avrete mai problemi. Parola di Travel blogger.

In viaggio con me

C'è tanta gente infelice che tuttavia non prende l'iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l'animo avventuroso di una donna non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. Il vero nucleo dello spirito vitale di una persona è la passione per l'avventura.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »