Maya Bay chiusa“. Erano mesi che sentivo vociferare della possibile chiusura della spiaggia che ospitò il cast del film “The Beach” con protagonista Leonardo di Caprio.

Chiusa Maya Bay la spiaggia di Leonardo di Caprio

Da poche ore la voce si è concretizzata ed è stato tutto confermato dall’Ente nazionale del turismo Thailandese. Dal primo giugno al 30 settembre 2018 la spiaggia resterà chiusa per la preservazione del Parco Nazionale di Hat Noppharat Thara-Mu Ko Phi Phi. Per chi mi segue da tempo sa bene che ho trascorso mezza giornata in questa bellissima riserva naturale, ormai deturpata da quello che è il turismo di massa da cui i viaggiatori si tengono ben lontani.

Appena arrivata ho notato molte barche e navi scaricare centinaia di persone e purtroppo immaginavo che prima o poi, avrebbero imposto un divieto d’accesso. Se avessero utilizzato qualche accortezza nell’organizzare le gite nei pressi di questa splendida baia, avrebbero contribuito alla conservazione del luogo senza causarne la rovina e la chiusura momentanea.


Maya Bay chiusa, lo annuncia il DNP

Lo scorso maggio, il DNP ha annunciato in una conferenza stampa tenutasi il 15 maggio che l’accesso alla spiaggia più famosa al mondo, sarà rigorosamente vietato. A controllare che tutto si svolga secondo le norme, sarà il DNP stesso! Non sarà possibile vedere il panorama, se non da 400 metri di distanza. Vietato anche gettare l’ancora nella vicina Loh Samah Bay.

Durante il periodo di divieto verranno effettuati dei controlli e degli studi di valutazione della qualità dell’ambiente, sia costiero che marino. Soprattutto, si vorrà indagare sul tipo di reazione che Maya Bay ha subito nel tempo al turismo di massa.

Il DNP dovrà valutare anche le condizioni della barriera corallina, della spiaggia e della flora circostante. Tutti questi studi serviranno a dare una misura specifica riguardo alla sostenibilità ambientale di Maya Bay durante le future stagioni turistiche.


Chiusa la spiaggia di “The beach”, ma non solo

La chiusura temporanea delle attrazioni naturali non è una novità per la nazione Thailandese. Il DNP, ogni anno, chiude diversi parchi e punti di interesse turistico per la ricostruzione ecologica. E’ vero anche, che le limitazioni sono dovute a condizioni meteorologiche estreme.

Quando mi hanno telefonato dicendomi: “Selly è successo…hanno chiuso Maya Bay“, mi si è stretto il cuore. Mi conoscete…sono una viaggiatrice… amo scoprire luoghi inesplorati e non e portarli agli occhi del mondo. Spero sempre che ciò che scopro e documento, non venga rovinato da persone che non hanno cura della terra che li circonda e che generosamente ci offre dei viaggi splendidi.

Per aiutare l’ambiente e non danneggiare gli animali decisi di vedere le isole e la spiaggia utilizzando il Taxi Boath

A differenza delle altri navi, questo tipo di barca possiede il motore a poppa quindi al di fuori dell’acqua. Questo impedisce l’inquinamento e il deterioramento del mare, contribuendo alla conservazione delle specie marine. Credo che le persone dovrebbero fare tutto quello che è in loro potere per evitare il più possibile di contribuire alla rovina della terra.

Concludo con la citazione di P.Bowles.

Non si considerava un turista bensì un viaggiatore, e spiegava che si tratta in parte di una differenza temporale. Dopo poche settimane, o pochi mesi, il turista si affretta a tornare a casa; il viaggiatore, che non appartiene ad alcun luogo in particolare, si sposta lentamente da un punto all’altro della terra, per anni.

Siate viaggiatori, non turisti. C’è un’ enorme differenza fra i due termini. Il primo viaggia con la smania di dire: “ci sono stato”, non curandosi di nulla e comportandosi superficialmente nei confronti di ciò che lo circonda.

Il viaggiatore con la V maiuscola viaggia ma con la consapevolezza di avere sempre rispetto nei riguardi della terra e dei suoi abitanti.

In viaggio con me

C'è tanta gente infelice che tuttavia non prende l'iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l'animo avventuroso di una donna non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. Il vero nucleo dello spirito vitale di una persona è la passione per l'avventura.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »