Ultimamente è molto di moda partire da soli. Cosa significa per voi il viaggio? Riflettendoci ho compreso di essere una viaggiatrice dentro.

 

 

Significa solo divertimento? Significa vita notturna? Oppure significa conoscere meglio il compagno o compagna che verrà con me?

Avete mai riflettuto che forse il viaggio in sé significa molto di più? Potrebbe voler dire conoscere meglio se stessi. Più viaggio e più mi rendo conto di chi sono. Da pochi anni ho capito che sono una viaggiatrice dentro e non una turista. Potrebbe costituire il sogno di una vita. Convivere con quelli che sono i nostri demoni interiori e perché no provare anche a sconfiggerli. Perché l’essere umano sente la necessità di programmare ogni cosa? Per il controllo. Noi umani vogliamo TUTTO sotto controllo. Se fosse proprio questo fattore a destabilizzarci e a privarci di esperienze improvvise che la vita ci può offrire?

Avete mai provato cosa significa mettere alla prova voi stessi? Mettiamo il caso che iniziaste un viaggio da soli. Spesso la vita ci regala degli imprevisti, giusto? Cosa vi fa pensare di aver per forza bisogno “dell’altro” per risolvere un problema improvviso?

Una risposta ce l’ho: l’abitudine. Siamo abituati ad appoggiarci a qualcuno, a chiedere opinioni, a fare quello che dicono e decidono gli altri. L’essere umano è stato creato per vivere in società, ma non è stato creato per stare SEMPRE E OGNI SECONDO a contatto con qualcuno.


Sono una viaggiatrice dentro: questo mi fa star bene

A volte si ha bisogno di abbandonarsi a sè stessi, in un luogo sconosciuto, con una mappa nella mano e uno zaino sulle spalle. Saper valutare le proprie esigenze aiuta a capire che a volte nella vita, ci basta davvero poco per vivere bene. Viviamo in un epoca di consumismo estremo.

 

I media giocano sul nostro bisogno di avere sempre di più, sempre qualcosa in più. Partire solo con uno zaino ti insegna a valutare le priorità. Viaggiare sempre con “qualcun’altro” ti condiziona in tanti modi, e senza rendertene conto, forse, se fossi stato solo durante un viaggio, avresti provato altre esperienze, altre emozioni. Avresti conosciuto meglio te stesso.

Se vi batte il cuore, quando leggete quest’articolo e vi vengono in mente mille esperienze e luoghi dove poter viaggiare da soli, non scordatevi di comprare il libro che per eccellenza narra un’ esperienza simile; “Wild” di “Cheryl Strayed”.

Ora non demonizzo un viaggio di gruppo o di coppia, piacciono moltissimo anche a me. Viaggiare significa anche divertimento. Con questo articolo volevo specificare ai miei lettori/lettrici, che non è solo questo, ma molto di più.

In viaggio con me

C'è tanta gente infelice che tuttavia non prende l'iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l'animo avventuroso di una donna non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. Il vero nucleo dello spirito vitale di una persona è la passione per l'avventura.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »