Il mio viaggio in direzione Monaco è stato pieno di avventure e sicuramente quello con più imprevisti, anche se proprio grazie a questi ultimi ho imparato davvero tanto sul mondo dei viaggi.

Io e mia sorella siamo partite da Bologna con la macchina macinando ben quattordici ore di auto attraversando l’Austria, Fussen, Cuxhaven e infine Monaco! Oggi vi parlerò del primo on the road di in viaggio con me.

viaggio in direzione Monaco pieno di avventure


Un viaggio in direzione Monaco pieno di avventure, on the road per la Germania

Prima di arrivare a Monaco abbiamo visitato la cittadina di Cuxhaven. Siamo state invitate per un matrimonio così abbiamo deciso di unire l’utile al dilettevole. Ci siamo prese 5 giorni per raggiungere la Germania facendo tappa in Austria e così è iniziato un viaggio in direzione Monaco pieno di avventure che ora vi racconterò nei minimi dettagli.


Un viaggio dalle mille sfortune 

Il mio viaggio in direzione Monaco è stato ricco di avventure ma anche di sfighe. Non posso fare di tutta l’erba un fascio ma ho notato un velo di pregiudizio nei nostri confronti da parte delle forze dell’ordine tedesche. C’è da dire che la nomina degli italiani non è per niente rosea in merito alle sostanze stupefacenti, ma la loro durezza mi sconvolse soprattutto perché era il mio primo viaggio in Europa da sola con la mia sorellina più piccola, quindi zero esperienza, zero voglia d’avventura, tanta ansia e stanchezza.

Siamo state fermate per ben due volte dalla polizia antidroga per un controllo delle urine, alcol-test, controllo macchina e valigie! Un vero strazio. Per non parlare che avevo la febbre molto alta e una violenta bronchite ( parte delle mille sventure subite durante questo on the road )

Essendo la mia prima vacanza fuori Europa non mi ero affatto documentata su come vestirmi, cosa mangiare, cosa vedere ecc,ecc. Questo ovviamente ha influito non poco. Non mi aspettavo un freddo tanto pungente nel mese di aprile ma essendo un paese del nord c’era da immaginarselo! E’ bastata una sola folata di vento gelido per farmi prendere la febbre a 39 e una tosse mostruosa!

Dato che ero visibilmente pallida e piena di pillole sono stata la più tartassata. Dopo i vari controlli che sono durati più di un’ora ci hanno finalmente lasciato andare e abbiamo proseguito per raggiungere la meta. Che i tedeschi siano un popolo rigido non è una novità ma quando non si è abituati a viaggiare ogni sfortuna o maltrattamento ti sconvolge. Si fa fatica a passare oltre i torti o a riflettere che non bisogna generalizzare o giudicare un popolo per delle spiacevoli incomprensioni/incidenti diplomatici.

Sono originaria del sud Italia quindi essendo spesso e volentieri molto solare ed espansiva è stato complicato adattarmi ma il viaggio deve anche educarti al rispetto verso gli altri e verso il diverso, quindi ora come ora posso dire di essere stata contenta nell’aver visitato un luogo dove le usanze sono completamente opposte alle mie. Ora però parliamo di questo benedetto on the road e delle tappe visitate 🙂


Fussen, la perla verde della Germania

Nella strada verso Cuxhaven abbiamo attraversato la splendida Fussen. Nonostante siano passati molti anni ricordo bene le sue valli e il paese. Non avevo mai visto boschi così fitti, perfetti, enormi.


Il castello di Neuschwanstein 

Sulla strada ci siamo imbattuti nel favoloso castello delle fiabe di Neuschwanstein. Una delle costruzioni più belle che io abbia mai visto! Vi sembrerà di vivere in una favola.

Per ragioni di tempo non siamo riusciti a visitare gli interni perché non è permesso salire con l’auto. Le opzioni sono due: o salite con il pulmino, oppure salire camminando.


Cuxhaven

Arrivate a Cuxhaven le casette colorate ci hanno fanno conquistato subito. Per immergerci al meglio negli usi e nei costumi locali abbiamo deciso di affittare un’abitazione tipo, trovandoci estremamente bene anche con i padroni di casa, dei gran chiacchieroni.

La cosa più interessante è stato testare gli spazi! Noi italiani non siamo abituati a divincolarci tra ambienti stretti e alti ma ci è piaciuto trovare i pro e i contro e testare nuove esperienze! Amo viaggiare proprio per questo motivo.


Finalmente Monaco

Monaco è la classica città caotica in cui c’è tanto da imparare, scoprire e vedere. Qui ho trascorso solo 24 ore ma non vi preoccupate, qualcosa di carino l’ho visto e ora ve lo elenco.


Cosa vedere a Monaco

Monaco è piena di storia, di birra e di pretzel

Molti la definiscono la seconda capitale germanica. Qui si celebra la famosa festa della birra di Oktoberfest che è famosa in tutto il mondo! Questo dimostra quanto le tradizioni di questo paese siano ancora ben radicate nel cuore dei cittadini.

Il centro storico si mescola tra passato e presente. L’Alte e il Neue Rathaus sono i due municipi, uno vecchio e uno nuovo. Il primo risalente al 400 e il secondo al 900.


Residenz, il palazzo reale di Monaco

La residenza reale è uno dei palazzi più spettacolari di tutta l’Europa. E’ un vero e proprio museo abbellito dai vari membri della famiglia.


Cattedrale di nostra signora

Questa cattedrale domina tutta la città e la sua imponenza è incredibile. Fu costruita in stile gotico e sui resti di un’antica basilica romana! Attorno a questo monumento religioso girano strane leggende ma non voglio svelarvi tutto. Voglio che prenotiate un viaggetto verso Monaco subitissimo per scoprire ogni mistero 🙂

Booking.com

Deutsches museum

Se siete amanti della tecnologia e della scienza dovete visitare questo museo! E’ il più grande al mondo e conta ben 28.000 oggetti esposti! Al suo interno troverete anche i modelli delle invenzioni che oggi utilizziamo tutti i giorni, come ad esempio quello per l’auto e tanti altri.


Il mio primo viaggio in Europa in direzione Monaco è stato ricco di avventure memorabili che mi hanno insegnato tanto sul mondo dei viaggi. Ho imparato il valore della sopportazione grazie alle mille sfortunate e alle 28 ore di auto andata/ritorno, ho imparato il valore della diversità dato che mi sono interfacciata con una cultura completamente diversa dalla mia e dal mio carattere e ho imparato il significato di viaggiare in due e il valore della condivisione.

Sono felice di aver fatto queste esperienze e sono sicura che prima o poi tornerò in questo paese sperando che vada molto, molto meglio 🙂

In viaggio con me

C'è tanta gente infelice che tuttavia non prende l'iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l'animo avventuroso di una donna non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. Il vero nucleo dello spirito vitale di una persona è la passione per l'avventura.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »