Un viaggio che mi ha catapultata nel passato, pur rimanendo nel presente.

 

Un viaggio nel medioevo.

 

Edimburgo è una delle poche città Europee ad avere sia un tocco medioevale, che crea scenari surreali, sia colori sfavillanti. Due unioni avvincenti e contrastanti, diciamo che l’una è l’equilibrio dell’altra! Purtroppo essendo confinanti con l’Inghilterra abbiamo trovato un alternanza fra sole e pioggia.

 

Noto da subito la struttura della città. La trovo divisa in due zone; New town e Old town! La parte nuova si differenzia da quella vecchia dalla struttura delle strade,  più ordinata rispetto alla zona Old town. Un’altra differenza che salta subito all’occhio è il tipo di costruzione riservata agli edifici che compongono le due città; New town presenta costruzioni ottocentesche, Old town dal gusto medioevale.

 

Cose da vedere nella New Town:

  • Galleria nazionale di Scozia,
  • Accademia reale Scozzese (si trova di fronte alla galleria nazionale),
  • Scott Monument (torre di 60 metri, si sale solo tramite una stretta scala a chiocciola),
  • I giardini di Princess street (per chi ama gli spazi verdi e dove spesso si celebrano eventi famosi).

 

Cose da vedere nella Old Town:

  •  Il castello che offre una vista panoramica della città,
  • Whitehourse,
  • Mery king’s close,
  • The Heart of Midlothian, mosaico a forma di cuore,
  • Victoria street, il nome della strada fu dato in onore dalla regina Vittoria, è una delle vie più belle di Edimburgo, poichè piena di negozietti, gastronomie e infine una terrazza panoramica dalla quale si scorge un’altra parte di città.

 

 

 

La capitale collinare della Scozia più che pullulare di monumenti importanti come il resto delle cittadine Europee, è piena di vie importanti, vicoli stretti e antichi che vi permetteranno delle foto esclusive e con un tocco di retrò niente male.

 

Cosa e dove mangiare: sicuramente sono consigliatissimi e molto tipici in pub, in Scozia. Io consiglio di andare a fare un giro per Rose street che è la parallela di Pincess street, dove ce una vasta scelta di pub e ristoranti alla mano. Del resto la Scozia è un po cara, quindi date un occhio ai prezzi prima di entrare, per lo meno informatevi. Uno dei piatti tipici è L’hagghis, interiora di pecora macinati con cipolla, rognone e farina d’avena, servito con due tipi di purea; uno di patate e uno di radice di pastinaca. Altra ricetta da provare (molto tipica) è lo stufato alla birra racchiuso in uno strato di pasta.

 

Se volete anche una ricetta dolce, da assaggiare sicuramente ci sono gli Shortbread. Gli Scones, prodotto da forno ne dolce ne salato, che potete farcire come meglio credete, ottimo esempio di STREET FOOD! Attenzione: non chiedeteli con del the, siete in Scozia non a Londra; e in questo paese si beve il caffè. Se avete voglia di un piatto caldo tipico e da consumarsi nei ristoranti assaggiate il Scotch Broth; brodo scozzese a base di orzo perlato, tuberi, carne d’agnello e cavolo e infine il salmone affumicato!

 

Che dire…sicuramente un viaggio in una delle città più curiose che io abbia mai visitato! Molto particolare nella sua struttura e nei suoi piacevoli contrasti. Particolare anche nella vita notturna, quando si affrontano le vie poco illuminate alle quali non siamo abituati e alla presenza di persone che ancora oggi utilizzano i mantelli piuttosto dei cappotti.

Il viaggio si compone anche di questo; scoprire che in alcune parti del mondo il tempo si è fermato.

In viaggio con me

C'è tanta gente infelice che tuttavia non prende l'iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l'animo avventuroso di una donna non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. Il vero nucleo dello spirito vitale di una persona è la passione per l'avventura.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »